Formaggi Sanna

Grazie a Territalia è possibile organizzare visite deli diversi luoghi di interesse vicini all’azienda, coronando l’esperienza con una deliziosa degustazione presso l’Azienda Agricola Antonello Sanna, visitandone i pascoli e assaporando l’autenticità del formaggio Toscano.

Situata nel caratteristico comune di Lajatico, poco distante da Volterra e immersa nella verde e fertile campagna pisana, sorge l’Azienda Agricola Sanna Antonello.
Nata nel 1994 come piccola attività di allevamento di 230 pecore ed estesasi poi in grandezza ed in numero di bestiame, l’azienda della famiglia Sanna ha costruito una catena importante:  dalla coltivazione e produzione di cereali e foraggi necessari all’alimentazione degli animali, attraverso la produzione di latte e alla successiva trasformazione in formaggio, fino ad arrivare alla vendita diretta del prodotto finale, garantito nella sua qualità.

 

E’ nel 2010 che Antonello Sanna, figlio del fondatore Francesco, decide di iniziare la grande avventura della produzione di formaggio pecorino e caprino. Investe tempo e denaro in studio ed attrezzature e comincia la trasformazione del latte in formaggio attraverso una lavorazione a latte crudo. Dopodiché inizia a far conoscere i suoi prodotti nei mercati locali, sostenuto ed affiancato dalla moglie Erika.

Per incrementare la produzione del latte e migliorare la qualità del prodotto, nell’aprile del 2016 vengono acquistate 40 pecore di razza Lacaune che Antonello va a scegliere direttamente in Francia. Oggi si contano circa 150 capi di razza Lacaune a stabulazione fissa, 70 capi di razza sarda e 30 capre.

 

L’azienda Agricola Sanna Antonello oggi è una piccola azienda in forte crescita, dove le tradizioni e la genuinità vengono rispettate, ma sempre con lo sguardo puntato verso il futuro.

Un luogo ricco di ricchezze. 

LAJATICO

Siamo in Valdera, a Lajatico paese natale di Andrea Bocelli, che torna ogni anno in estate per un concerto nell’anfiteatro naturale del Teatro del silenzio. Lungo la strada notiamo i resti di due mulini a vento, mentre in lontananza si staglia la mole possente dei resti della Rocca di Pietracassia. Qui si trova l’Azienda Agricola Antonello Sanna, a conduzione familiare, che produce formaggio pecorino e caprino nel rispetto della tradizione e genuinità dei prodotti.

 

La Rocca di Pietracassia

Il paese si trova su uno sperone collinoso che domina la valle dell’Era. Di origine longobarda, fu castello del vescovo di Volterra prima di essere conquistato prima da Pisa e poi da Firenze. Simbolo storico del suo territorio è l’imponente Rocca di Pietracassia, uno degli esempi di architettura alto-medievale più importanti della Toscana, costruita in epoca longobarda per sorvegliare la strada che conduceva alle miniere di rame di Montecatini. Situata a 550 metri di altezza, ha preso il nome da una fenditura aperta su un enorme masso calcareo che si eleva dal crinale (“cassa” significa spaccata).

 

Orciatico

Particolare attenzione merita il borgo di Orciatico, il cui nucleo storico conserva una rocca dalla cui torre si gode una splendida vista su Valdera e Monte Pisano.

Nelle vicinanze, il piccolo Osservatorio astronomico (visitabile su prenotazione in estate) e i resti di due mulini a vento costruiti a fine Seicento e ancora in buono stato.

In direzione di Volterra si trova invece la Villa Medicea di Spedaletto, luogo di soggiorno di Lorenzo il Magnifico. La villa era decorata con splendidi affreschi, andati quasi interamente perduti a causa di un incendio.

 

Verso il Teatro del Silenzio

Molti i sentieri percorribili a piedi, in bici o in MTB e perfino a cavallo, alla scoperta delle bellezze naturali e storiche dei luoghi. C’è un percorso di 800 metri – adatto a tutti – che da Lajatico conduce al Teatro del Silenzio e che permette così di ammirare uno degli scorci più belli della Toscana. Il percorso si unisce ad uno dei viali di cipressi più belli del territorio, quello della “Quercia al Santo” oppure a quello della “Traccia della Madonna”.